Sulla rivista "Panorama" del 3 agosto 2016 è stato pubblicato un articolo che portiamo alla vostra attenzione.

E' un intervista a Giovanni di Pino, 36 anni, neurologo, ricercatore all'Università Campus Bio Medico di Roma, che ha ricevuto un finanziamento del valore di 1 milione e 500 mila euro dall'European Research Council per (cit.) "la messa a punto di una mano bionica che un amputato possa sentire come "propria" restituendo la sensazione che l'arto artificiale sia parte integrante del proprio corpo e del proprio essere".

(Giovanni di Pino, immagine tratta dal sito http://www.gazzettinonline.it/)

 

Attachments:
Download this file (articolo su panorama 3 agosto 2016.pdf)Vi daro' la mano (bionica)[Articolo tratto da "Panorama" del 3 agosto 2016]1001 kB

Articolo di Carlo Antonini (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) pubblicato sul blog di Beppe Severgnini http://italians.corriere.it

Ciao Beppe, ti ricorderai forse che a fine 2014 ti ho scritto della mia esperienza di disabile a Gardaland (“Sull’Ortobruco no”), quando ero stato fatto scendere dall’Ortobruco, un’attrazione su cui sono tranquillamente saliti i miei bimbi di 3 e 6 anni. Come è andata a finire? Siamo partiti dalle esperienze e segnalazioni mie e di altri soci di “Raggiungere”, l’associazione italiana per bambini con malformazioni agli arti di cui faccio parte, e abbiamo iniziato un lungo e proficuo dialogo con Gardaland, in particolare con il direttore generale, Danilo Santi. Ci siamo incontrati nel maggio 2015 a Gardaland, per confrontarci sulle criticità evidenziate da noi come visitatori del parco, e capire anche le difficoltà di chi, nel parco, ha la responsabilità di garantire la sicurezza di tutti. E in preparazione alla stagione 2016 devo dire che Gardaland ha fatto davvero un grosso lavoro: tra le altre, una maggiore chiarezza del sito e delle brochure (con guide specifiche per i diversi tipi di disabilità, sensoriale, fisico/motoria e comportamentale/cognitiva), e un’attenzione ai termini (disabile e disabilità – come da convenzione ONU – e non parolacce come “diversamente abile”, purtroppo ancora usata da molti). Inoltre, ci hanno riferito da Gardaland di una maggiore sensibilizzazione del personale, attraverso corsi di formazioni interna. Nello specifico della mia disabilità, legata alla mancanza dell’avambraccio destro, c’è una maggiore chiarezza e possibilità di accesso a diverse attrazioni, anche tra le più “adrenaliniche”. Inoltre è meglio spiegato dove è consentito l’uso di una protesi.
Per chi volesse sapere qualche dettaglio in più, può leggere sul nostro giornalino ( http://www.raggiungere.it/index.php/il-giornalino/335-anno-2015-n-3 ).
Al di là degli obiettivi raggiunti, però, ci tengo sottolineare la modalità e la positività del percorso fatto. Da un lato, abbiamo trovato di fronte un’azienda aperta al confronto, e consapevole che alcuni aspetti legati alla disabilità fossero migliorabili: di questo ringrazio Danilo Santi per la (non comune) sensibilità e l’impegno. Dall’altro lato, credo (spero) che come “Raggiungere” non siamo arrivati con il dito puntato per accusare, ma abbiamo cercato di dare una voce pacata e organica alle nostre esigenze. E nel confronto abbiamo sicuramente imparato: ancora meglio, speriamo di esportare l’esperienza positiva anche ad altre realtà italiane, dove altri soci di “Raggiungere” hanno riscontrato delle difficoltà di accesso. Tutto bene, quindi? Beh, ora manca solo passare all’azione e salire, da disabile, sull’Ortobruco e sulle “adrenaliniche” (dove consentito). Sempre che mi facciano salire. No, non dico gli operatori di Gardaland: con loro non dovrei avere più problemi. Intendo i miei figli, che ancora sono troppo piccoli per le attrazioni più avventurose: potrebbero non capire che al papà tocca salire su Oblivion solo per chiudere in bellezza il percorso fatto.

Voglio ringraziare di tutto cuore Renato Ferrari che ha caricato sul sito i numeri mancanti del giornalino di Raggiungere (per gli anni compresi tra il 1996 e il 2003).
Finalmente tutti i numeri del giornalino sono disponibili per la lettura e, anche se si tratta di numeri vecchi di qualche anno, il loro contenuto è sempre attuale, interessante, commovente.

Buona lettura a tutti!

 

  
Pag. 01· Editoriale
Pag. 02· Notizie dall’estero - Come informare i genitori: nuovi studi
Pag. 03· I progressi di Megan: la storia di una madre
Pag. 04· Meno ostacoli per i portatori di handicap
Pag. 05· A proposito di diritti - Notizie in breve
Pag. 06· Lettere - Necessario protesizzare
Pag. 07· Lettere – Lettera di una madre a una ex … bambina
Pag. 08· Lettere - C’era una volta

Attachments:
Download this file (Raggiungere_2000_1_S.pdf)Raggiungere_2000_1_S.pdf[Anno 2000 n. 1 ]1611 kB


Pag. 01· Editoriale
Pag. 02· Ricerca genetica - Descrizione ricerca genetica del Professor Mastroiacovo
Pag. 03· A: tutti i soci di “RAGGIUNGERE” -Raggiungiamo la rete?
Pag. 04· Relazione del Consiglio direttivo
Pag. 05· Grazie Giovanni Paolo
Pag. 06· L’ordine del giorno assemblea annuale
Pag. 07· Protesi sì … Protesi no
Pag. 08· Concorso di disegni
Pag. 10· Come i bambini ci aiutano con i loro disegni
Pag. 11· Possibilità ricostruttive con la microchirurgia della mano
Pag. 12· Una grande testimonianza
Pag. 13· Lettere
Pag. 15· Risolto il caso Sicilia
Pag. 16· Un ringraziamento all’AIEW

Attachments:
Download this file (Raggiungere_1999_2_S.pdf)Raggiungere_1999_2_S.pdf[Anno 1999 n. 2 ]3099 kB


Pag. 01· Il saluto del Presidente
Pag. 02· Tre importanti notizie flash
Pag. 04· Relazione della professoressa Giuseppina Cavallari
Pag. 05· Servizio di riabilitazione pediatrica per le famiglie toscane
Pag. 06· Gambe e braccia in provetta
Pag. 07· Un nuovo amico dal Sudafrica L’esperienza di Paolo

Attachments:
Download this file (Raggiungere_1998_2_S.pdf)Raggiungere_1998_2_S.pdf[Anno 1998 n. 2]1603 kB