Articoli e Pubblicazioni

Articoli interessanti e pubblicazioni dell'associazione

Eventi

Gli eventi a cui ha partecipato l'associazione e i prossimi

Legislazione e guide

Un aiuto per districarsi nel mondo della burocrazia

Come faccio per...

Trucchi per cavarsela!

Arto superiore

Un ragazzo francese perde la mano in fabbrica. Qualche anno dopo progetta e realizza grazie a una stampante in 3D una mano bionica a basso costo. E la presenta al Maker Faire di Roma

Dopo l'esperienza del sudafricano  Richard Van As e dell'americano Ivan Owen, autori di una protesi meccanica per amputati di dita (soprannominata RoboHand), ecco una protesi "low cost" realizzata in Francia. Entrambi i progetti utilizzano la tecnologia delle stampanti 3D e vedono coinvolti degli amputati per la realizzazione di protesi funzionali a basso costo.

 

 

Sul Portale SIVA, (Portale Italiano di informazione sugli ausili) sviluppato dalla Fondazione Don Carlo Gnocchi e dedicato alle tecnologie per l'autonomia e l'integrazione sociale delle persone con disabilità, è stata pubblicata una tesina dedicata esclusivamente alle protesi di arto superiore.
Per motivi di copyright non possiamo pubblicare la tesina, ma ne riportiamo l'abstract e il link al documento.

Un esempio di protesi mioelettrica

Ultimamente sul mercato sono uscite varie mani protesiche mioelettriche poli-articolate. Come Michelangelo, di Otto Bock, o i-Limb e ProDigits di Touch Bionics. Ogni uscita è stata seguita da un grande clamore pubblicitario. Visto il prezzo non proprio popolare di questi ausili, prima di "infatuarsi" e decidere di aprire un mutuo ventennale per l'approvvigionamento di una mano "bionica", è importante conoscere la risposta ad alcune domande:
1) la protesi funziona?
2) quali sono i pregi, e quali i difetti?
3) e' resistente?
4) quale è il rapporto costi/benefici?
Sul sito di INAIL è stato pubblicato un articolo che, oltre a presentare le principali protesi mioelettriche sul mercato, tratta degli esiti della sperimentazione delle stesse su sperimentatori scelti tra i clienti del centro protesi.