{phocagallery view=category|categoryid=6|imageid=11|detail=2}

 

C'era una volta un branco di elefanti, tutti dello stesso colore. Tutti, all'infuori di Elmer. Elmer era diverso, Elmer era multicolore. Elmer era giallo, arancione, rosso, rosa, porpora, blu, verde, bianco e nero. Elmer non era color elefante. Dovunque ci fosse un sorriso, era Elmer che l'aveva acceso. Una notte, Elmer ebbe un pensiero sciocco: era stanco di essere diverso. Così si allontanò nella giungla, si rotolò nel fango fino a far sparire ogni traccia di colore: alla fine, Elmer sembrava un qualsiasi elefante color elefante. L'intero branco era triste, perché Elmer non si vedeva più in giro, ma alla fine tutti lo riconobbero per la sua inconfondibile risata. Poi la pioggia lavò via il fango ed Elmer tornò multicolore. Allora gli elefanti furono ancora più felici e decisero di festeggiare quel giorno ogni anno. In quel giorno, tutti gli elefanti si tingono con i colori di Elmer, mentre Elmer si fa color elefante.

Questo libro parla di un elefante "diverso" dal branco, che ad un tratto diventa consapevole della sua "diversità" e decide di nasconderla. Ma presto scopre che era molto più felice prima, e che i suoi amici non lo hanno mai discriminato, ma amato per ciò che è. E torna ad essere se stesso

 

  • Brossura: 36 pagine
  • Editore: Mondadori (11 aprile 1990)
  • Collana: Leggere le figure
  • Lingua: Italiano
  • ISBN-10: 8804334673
  • ISBN-13: 978-8804334675